Fatti del 25 aprile, ODG: Ferma condanna, Sindaco chieda scusa.

ORDINE DEL GIORNO  

Oggetto: comportamenti Sindaco celebrazioni 25 Aprile

manc mang

Visto che

-         Durante le celebrazioni del 25 aprile, il sindaco di Ancona ha abbandonato volontariamente il palco riservato alle Istituzioni durante l’intervento del rappresentante nazionale dell’ANPI;

Considerato che

-         Il 25 aprile, festa della liberazione dal nazi fascismo, rappresenta per il paese una festa di libertà e democrazia che unisce tutti gli italiani;

 

-         L’ANPI rappresenta da sempre la viva memoria partigiana e si impegna in tutto il territorio nazionale per propagandare e divulgare i valori costituzionali figli della resistenza;

Sottolineato che

-         Il sindaco è il rappresentante massimo delle istituzioni cittadine e deve saper rappresentare i suoi cittadini nella totalità delle loro tendenze e dei loro pensieri democraticamente espressi;

 

-         Abbondonare il palco del 25 aprile in segno di protesta politico-partitica contro un’organizzazione come l’ANPI, oltreché palesare una grave inadeguatezza storico culturale da parte di chi dovrebbe rappresentare la nostra città, è un gesto di violenta scorrettezza istituzionale;

 

-         Ancona vanta una gloriosa storia di resistenza partigiana oltreché di città democratica ed antifascista;

Il Consiglio comunale di Ancona:

Condanna con fermezza il gesto del Sindaco Valeria Mancinelli, ne prende con determinazione le distanze ed invita il primo cittadino alle scuse pubbliche nei confronti dell’ANPI e di tutta la città.

 

Francesco Rubini Filogna

 

Questo articolo è stato pubblicato in ODG da admin . Aggiungi il permalink ai segnalibri.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>