Mobilità sostenibile

treno urbano

Il treno urbano di cui si parla da trent’anni e la cui realizzazione non ha fatto alcun progresso deve essere il principale strumento per invertire il percorso di disgregazione della cittadinanza riconcedendo alle decine di migliaia di anconetani che sono andati a vivere nella zona sud e nord l’opportunità di tornare a frequentare i “centri” (ed in particolare quello storico) della città.
La ferrovia attraversa la città, la stazione di Passo Varano c’è già, non sarebbe difficile realizzarne una a Vallemiano e l’ulteriore tratto del percorso deve coinvolgere la Stazione Centrale e quella Marittima. A nord si dovrebbero includere le stazioni, che già ci sono, di Palombina, Torrette e Falconara.
Per realizzare l’obiettivo bisogna sollecitare fino ad ottenerne l’impegno la Regione Marche e le Ferrovie. Il miglioramento della qualità dell’aria della città, la comodità e l’economicità del trasporto su rotaia devono costituire l’asse centrale della mobilità anconetana.

Stefano Crispiani

#AnconaBeneComune

#IdeeIntelligenti